Venta de Santa Lucía Bujaraloz

21,3 Kms

E’ stupido trascurare un’opportunità immediata per servire Dio con la speranza di fare qualcosa di più grande in futuro, può essere che perdiamo una senza riuscire nell’altra.

Ci alziamo e subito dobbiamo prendere una decisione : o proseguire lungo la Strada N-II, a destra, oppure seguire il percorso segnato con frecce arancioni, che ci allontana dalla N-II. La prima opzione porta al punto d’incontro a 1 km; la seconda ci porta allo stesso punto a 3 km. Il vantaggio della seconda sulla prima è che evitiamo la strada N-II, ma comunque camminiamo sull’asfalto per 1,5 chilometri. Tocca al pellegrino decidere.

Se seguite la N-II, bisogna andare dritto, facendo molta attenzione al traffico. Il punto di ritrovo con coloro che hanno seguito la seconda opzione è il bivio con la strada che arriva da Quinta e prosegue verso la Venta de Santa Lucia.

Se si segue la seconda opzione, proseguiamo per la strada sterrata e prendiamo alla nostra destra un sentiero che ci allontana dalla strada statale. Proseguiamo dritti senza prendere le deviazioni fino a raggiungere la A-1105, in direzione a Quinto. La prendiamo a sinistra in salita verso la Nazionale II. 

A 50 m della N-II, prendiamo una strada sterrata sulla destra e proseguiamo dritti, senza prendere nessuna delle deviazioni che la attraversano. In caso di dubbio, dobbiamo seguire il più possibile in parallelo alla  N-II, che ci guida sempre alla nostra sinistra. Arriviamo a la stazione di servizio Elf.

Seguiamo la strada sterrata che porta alla stazione di servizio e che prosegue sempre nella stessa direzione. Camminiamo sempre in parallelo alla N-II sulla nostra sinistra. A 5 km dal distributore di benzina, la nostra strada sterrata attraversa la N-II e continuiamo in parallelo, ora con la N-II alla nostra destra. Tutto dritto, senza prendere nessuna deviazione, accompagniamo la N-II che ci lascia in Bujaraloz. Seguendo la via di Santiago, arriviamo alla Plaza Mayor.

BUJARALOZ

Ayuntamiento . Tel: 976 173 175

Hostal El Español** . (sconto per i pellegrini e prima colazione a partire delle 6:30h). Tel: 976 173 192 / 976 173 043.

Hostal La Parrilla Monegros II . Tel: 976 173 230.

Hostal Las Sabinas . Tel: 976 179 328. (sconto per i pellegrini)

VENTA DE SANTA LUCÍA

Taxi Carlos (Bujaraloz) . Tel: 608 782 616 (taxi per 5 e 8 posti)
Taxi José Mª Franco (Pina de Ebro) . Tel: 618 543 767

Forse questa tappa vi può sembrare troppo breve, ma dopo la tappa precedente che è stata molto faticosa, non è male prendersi un breve riposo. L’erosione ha reso questa zona della Spagna un “quasi deserto”, che l’uomo cerca di salvare con l’irrigazione forzata. Grandi pianure ci accolgono lungo i sentieri secchi. Non troveremo alberi o ombre per aiutarci.

BUJARALOZ: piccola popolazione di circa 1000 abitanti, la sua chiesa barocca è dedicata all’Apostolo Santiago, anche se il patrono del  villaggio è San Agostino. Si dice che un tempo San Fabiano e San Sebastiano erano i patroni di Bujaraloz. Ma questi santi patroni non furono efficaci  contro una terribile piaga di locuste provenienti dall’Africa, allora il popolo di Bujaraloz decise di cercare un altro patrono che combattesse le locuste. La scelta del nuovo patrono è avvenuta in questo modo  hanno introdotto schedine in un’urna con i nomi dei santi candidati ad essere patroni. Per tre volte è stata estratta una schedina a caso, e per tre volte è stata estratta la scheda con il nome di sant’Agostino. La cosa strana è che il nome di S. Agostino non è mai stato scritto nelle schede. Si chiama la “capitale” dei Monegros, che comprende 31 comuni. Ha  un ristorante, supermercato, farmacia e banca.

A Circa 10 km a sud di Bujaraloz troviamo un paesaggio peculiare, ricco di laghi salati che in estate, a causa dell’evaporazione diventano ampie distese di lastre di sale.  La Laguna de la Playa è  il lago più importante (su una superficie di 2 a 3 km), sulla strada per Sástago.

Note: Continuiamo a camminare con Gesù, nella sua salita alla Croce. Da non dimenticare la “preghiera preparatoria”: ora più che mai dobbiamo chiederne che la nostra vita adempia la volontà di Dio , l’unica fonte di salvezza e di felicità. Ricordiamo che il colloquio finale è molto importante: ci muoviamo in quella conoscenza interiore di Gesù sofferente , e chiediamo la forza di perseverare nel nostro impegno di vita . Di questo ne parliamo con il nostro “amico” nel colloquio alla fine della preghiera e durante il giorno.

Preghiera: Chiedo al Padre il dono di poter sentire il dolore di Cristo nel dolore, l’angoscia nella angoscia di Cristo, e anche l’esperienza delle lacrime e il profondo dolore per tutte le sofferenze che Cristo deve sopportare per me alla fine della sua vita.

Riflessioni: Dopo tanti giorni di cammino con Gesù, sappiamo che la sua vita è in pericolo. Anch’egli lo sa . La gente non capisce. Il Regno di Dio sta lottando per la sua sopravvivenza, ma il nemico è potente. Come disse il profeta, i nostri cuori sono fatti di pietra e non sono disposti a cambiare . Ci sentiamo forti con il nostro nucleo duro,  il cuore tenero e misericordioso di Dio non è un’opzione attraente. Gesù ci confronta. Ma noi non vogliamo sentire. Gesù è arrabbiato, ma non può cambiare la situazione. Come suo discepolo,  mi sento a disagio in questa situazione. Non capisco nemmeno. Sono stanco. Gesù mi vede e mi chiede di andare con lui e di rilassarmi . Le cose non saranno facili in Gerusalemme.

A Gerusalemme, Gesù celebrò il suo ultimo pasto sulla terra, insieme con i suoi discepoli. Attraverso un grande gesto, quasi scioccante, Gesù rafforza ancora una volta la natura del servo a capo del regno di Dio: Gesù, il Signore, prende su di sé il compito di un servo di famiglia che lava i piedi sporchi agli ospiti durante la cena. Possiamo immaginare Gesù che lava i nostri piedi? Durante la cena, Gesù spezza il pane e il vino che condivide con i suoi discepoli, chiedendo loro: “Fate questo in memoria di me.” Immaginate i molti luoghi e il numero di generazioni che nel corso della storia, hanno ripetuto questo particolare momento, l’Eucaristia. Non è solo il modo in cui i cristiani ricordano Gesù, ma la comunicazione della vita, la connessione intima con Gesù, il pane e il vino che Gesù ci offre è il proprio corpo e sangue, consegnato a noi.

Ricordiamo che Ignazio ci invita a pregare contemplativamente immergendoci nelle scene che si svolgono, riempiendo gli spazi vuoti delle storie del Vangelo. I racconti della passione particolare si prestano a questo tipo di preghiera contemplativa. Per quanto riguarda l’ultima cena, per esempio, Ignazio parla di Gesù che, “dopo aver mangiato l’agnello pasquale e la cena terminata, lavò loro i piedi e diede il suo santissimo Corpo e Sangue prezioso ai suoi discepoli “…”vedo le persone presenti alla cena: ascolto quello che dicono e, allo stesso modo, osservo quello che fanno e cerco di ricavare qualche frutto “Ascolta quello che dicono … vedo quello che fanno. “

Testi:

Marco 8: 34-38. “Chiunque vuol venire dietro a me rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua”

Matteo 11: 2-30. Solo il semplice è in grado di riconoscere il Messia. Il mondo non può capire. Con il mio cuore desidero l’amicizia e l’intimità che Gesù mi offre, accolgo con favore l’invito a condividere il suo riposo come egli condivide il mio carico. Io desidero ardentemente di consegnarmi completamente all’amore e al servizio di Gesù e del suo popolo.

Matteo 26: 26-31. Mentre mangiavano, Gesù prese il pane e lo benedisse, lo spezzò e lo diede ai suoi discepoli e disse. «Prendete e mangiate, questo è il mio corpo”

Giovanni 13: 1-17. Quando dunque ebbe lavato loro i piedi,riprese le vesti , sedette di nuovo  e gli disse , “Sapete ciò che vi ho fatto ?”.

Colloquio finale: Come nelle situazioni umane di cura di malati o moribondi, la nostra presenza è spesso più importante delle nostre parole incerte o azioni sgarbate, questo è esattamente quello che dobbiamo pensare ora accompagnando Gesù Cristo. Abbiamo già descritto il colloquio come una conversazione intima tra amici. Ora apriamo quella descrizione per includere la profondità di sentimenti, l’amore e la compassione, che ci permettono di “solo essere” lì. Anche in questo caso, se si desidera, chiedere di essere accolti sotto la sua bandiera, la bandiera della Croce. Finire con il “Padre nostro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Biciclette facile.

Venta Santa Lucía : Km 0.
Gasolinera: Km 11,4.
Bujaraloz: Km 21,3.

Ruta

Schema della tappa

Altimetria

Il tempo a Bujaraloz

Bujaraloz
29°
cielo sereno
umidità: 32%
vento: 5m/s SE
Max 27 • Min 25
36°
Dom
39°
Lun
39°
Mar
39°
Mer