500 anni di storia hanno ospitato Íñigo nel 1522

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

L’Heretat Oller del Mas oggi ha più di 1.000 anni di storia e, quindi, già nel 1522 la famiglia fu in grado di accogliere Iñigo nel suo castello durante il suo periodo a Manresa. La prova della devozione della famiglia a Sant’Ignazio è la cappella di famiglia del 17 ° secolo dedicata al santo. Generazioni si sono susseguite nel castello, ma la cappella è rimasta nello stesso posto. I pellegrini ignaziani passano accanto al castello, che apre le sue porte per invitarli a bere un bicchiere di vino, se hanno tempo di assaporalo.
Il castello medievale, originario del X secolo, respira la storia accattivante della famiglia Oller: cavalieri, nobili, religiosi e maestri artigiani che hanno lasciato il segno nella storia del paese. I ritratti di Giovanna, Bernat, Jeroni, Jaume, Bonifaci e altri Oller, dipinti nel Medioevo e ancora oggi conservati sulle mura del castello, attestano questa storia unica. Una storia che ora, più di 1.000 anni dopo, continua a essere scritta con vini straordinari.
Oggi la famiglia Margenat è l’erede di una storia antica. Lo preservano con amore e lavorano con passione per associarlo alla modernità dei nuovi tempi. I pellegrini attraversano i suoi campi di vite e contemplano Montserrat dalle loro terre, come fece Íñigo de Loyola tante volte tra il 1522 e il 1523. Un anno della sua vita in cui, con certezza, visitò gli abitanti del castello del Oller del Mas
Sulla stemma di famiglia, tre vasi d’oro appaiono su uno sfondo rosso. Ed è che Oller, significa “colui che fa le pentole”. Per questo motivo, nel mezzo dei vigneti c’è un forno a secco del 13 ° secolo. Un forno che nel 21 ° secolo è stato riacceso, per fare nuove pentole con la terra della fattoria.

Per saperne di più, visita qui