Fraga Lleida

33 Kms

Catalogna

Entriamo in questa storica regione autonomica dopo aver lasciato il fiume Cinca e la città di Fraga dietro di noi.

Catalogna ci accoglie a braccia aperte e con il dono di una guida sicura per il nostro Cammino Ignaziano: la Generalitat de Catalunya ha messo cartelli indicatori in tutto il Cammino di Santiago catalano e ci aiutano a continuare il nostro pellegrinaggio, verso Montserrat e Manresa. La nazione catalana è il risultato di una lunga storia e ha una lingua propria e tradizioni culturali caratteristiche come i castelli umani, “els castellers” che di recente (2010) sono stati inseriti nel Patrimonio Immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, e forse il pellegrino Ignaziano avrà  la possibilità di vedere nella città di Manresa. Sicuramente avrai sentito parlare della maestosa basilica di Barcellona, la Sagrada Familia, progettata da Gaudí.

Continuiamo il nostro viaggio attraverso questa Catalunya che offri riparo, aiuto materiale per vivere come pellegrino e, ancora più importante una profonda amicizia con Ignazio Loyola.

Il superiore deve trattare i sottoposti, in modo che si sentano allegri, liberi di tristezza e possano servire Dio con una mente serena.

A Fraga il nostro punto di partenza sarà la piazza del Comune, Piazza Spagna. Siamo nel paseo di Barrón  Segone, e   guardiamo il Comune di fronte a noi. A sinistra in salita si trova la via Obradores Revolt, una ripida salita che ci porta alla Strada N-II. Arrivati li, si può prendere il ponte bianco che porta al cimitero e da lì lungo la strada, parallela alla N-II, camminiamo lungo il pendio e allontanandoci da Fraga, o possiamo anche seguire parallelamente alla N-II, ma sul lato  destro, tutto dritto senza cambiare lato.

Da entrambi i lati della strada Nazionale II, sia a sinistra che a destra arriveremmo ad un cartello che ci indica una via asfaltata in salita sulla nostra sinistra: “Campo de Tiro las Acacias “. Proseguiamo lungo la strada Nazionale II o prendiamo la pista. Quest’ultima ha il vantaggio di allontanarci dal traffico (ma ci attende una forte salita e discesa), l’altra non è faticosa perché ci risparmia il dislivello con un semplice tunnel 80 metri.

Se si continua nella Strada N-II, continuiamo dritti lungo il laterale, bisogna camminare per due chilometri, sempre in direzione della circolazione e dopo un breve tunnel, prendiamo la “via di servizio” indicata dalla segnaletica stradale. Non prendete l’autostrada A-2. Sul ponte che attraversa l’A-2 troviamo dei segni in vernice rossa e gialla, i colori delle tre bandiere di questa regione: aragonese, catalano e spagnola. Andiamo giù dal ponte e arriviamo ad una rotonda. Svoltiamo alla nostra sinistra e attraversiamo il tunnel sotto la A-2. Un cartello indica “Zona Industriale” e ci dirigiamo in quella direzione. Entriamo nella zona industriale e prendiamo la prima strada a destra. La seguiamo dritti. Alla fine della strada, dopo una svolta a sinistra e uno a destra, troviamo una rotonda. Qui ci ritroviamo con chi invece ha deciso di seguire la strada di “Campo de Tiro Las Acacias”.

Se abbiamo preso la strada verso i “Campo de Tiro Las Acacias” e seguiamo le frecce arancioni sull’asfalto, quando  raggiungiamo la cima, seguiamo la pista alla nostra sinistra, la strada della discesa arriva ad un bivio. Alla nostra destra vediamo i pali gialli della società del gas Endesa Gas. LÌ seguiamo e ci portano a una zona industriale. Entriamo e seguiamo la strada dopo c.2 km raggiungiamo una rotonda. Sempre in parallelo alla A-2, che si trova sulla destra. Nella rotonda finale, ci ritroviamo con coloro che hanno scelto di seguire la strada N-II.

Entriamo nella rotonda dalla nostra destra e prendiamo la seconda uscita , una strada asfaltata, indicata come “corsia di servizio”. Una segnale di stop dipinta sull’asfalto indica il percorso che dobbiamo prendere e che ci porta sul retro di una Hostal – Ristorante Giunti lì , ci avviciniamo alla corsia di servizio dell’A-2 e la prendiamo alla nostra sinistra. Due segnali di stop rossi ci dicono, ancora una volta, non stiamo andando bene. Sempre Controcorrente!

Se si va in bici non è consigliato viaggiare in direzione opposta su una strada senza guardrail. Pertanto, una opzione possibile è tornare indietro di circa 200 metri, si attraversa un ponte sull’A-2 e prendiamo la prima a sinistra. Se si segue questo percorso  per alcuni chilometri, sempre attaccati all’A-2,  raggiungeremmo Soses e li riprenderemmo la strada  segnata sulla mappa.

Passiamo sotto un ponte che attraversa la A2. Proseguiamo dritti, sempre seguendo la corsia di servizio fino a raggiungere una rotonda. In questo punto si lascia la Comunità autonomica di Aragona e il nostro cammino ci porta nelle terre catalane.  Un cartello indica la strada. Da questo punto e fino ad arrivare a Montserrat, questi pali della Generalitat di Catalunya ci saranno di grande aiuto. Prendiamo la seconda strada asfaltata sulla nostra sinistra, in salita stretta e ripida. Una laguna seminascosta appare alla nostra destra e continuiamo a salire lungo la strada a destra, che la costeggia.

Una volta raggiunta la cima, la nostra strada si congiunge con un altra via asfalta, che prendiamo in direzione alla nostra sinistra. Ma solo per 100 metri, perché subito svoltiamo a destra su una strada sterrata. I pali lungo il cammino indicano molto chiaramente la via. Giriamo a destra e poi a sinistra, per avvicinarci ad una torre di alta tensione e una zona boscosa. Iniziamo una ripida discesa. Proseguiamo dritti sulla nostra strada, che con un andamento molto sinuoso svolta a destra e sinistra, fino a raggiungere una strada asfaltata, che prendiamo e camminiamo sempre dritti e ci riporta a una rotonda sull’autostrada A-2.

Non dobbiamo entrare nella rotonda, ma proseguiamo dritti e ci dirigiamo ad un ponte vicino per attraversare la A-2 . Proprio all’inizio del ponte, troviamo un cartello che ci ricorda che siamo sul “Cami Real”,  che è stato percorso da Ignazio di Loyola quando si dirigeva verso la sua esperienza a Manresa. Attraversato il ponte, arriviamo a una rotonda, svoltiamo a sinistra e ci dirigiamo verso la A-2, perché ci interessa prendere la corsia di servizio parallela all’autostrada, alla  nostra destra. Dopo pochi metri, passiamo davanti l’Hostal Catalogna e Aragona e la stazione di servizio CAMPSA di  fronte all’A-2, alla nostra sinistra. Seguiamo la corsia di servizio e troviamo un altro ponte, ci passiamo sotto.

Seguiamo la corsia di servizio e dopo una discesa, raggiungiamo una grande rotonda, dove svoltiamo  alla nostra destra. Siamo nel km 448 della N-II. Proseguiamo per la corsia di servizio della Strada N-II che ci separa dall’A-2 e ci porta verso alcuni capannoni industriali. In una rotonda, passiamo davanti ad una scultura moderna in ferro (con un sole in alto) vicino alla fabbrica CEMESA. A 150 metri della  rotonda di CEMESA, parte una pista alla nostra destra che dobbiamo prendere. Un cartello ci indica la via per Lleida. La pista diventa sterrata e raggiungiamo la strada che ci porta a Torres de Segre. La prendiamo a 250 metri alla nostra destra e proseguiamo lungo la strada asfaltata sulla nostra sinistra, che ci porta a Alcarràs. Segnaletica del governo catalano ci mostrano la via chiaramente.

Camminiamo avanti, senza prendere deviazioni adattandoci alle curve della nostra pista. Raggiungiamo Alcarrás dalla via Clamor. Seguiamo la Travesia Clamore e attraversare la National Highway II. Dritto in fondo alla strada Jacint Verdaguer e si prende la prima a destra. Si continua dritto per la strada Joan XXIII fino a raggiungere la via Dr. Castells che giriamo a destra. Se si guarda alle nostre spalle, c’è la chiesa di Alcarràs. Continuiamo lungo la strada Passeig del Riu e al primo incrocio svoltiamo a sinistra per giungere  alla Avinguda Onze de Setembre.

Dopo aver raggiunto la fine della Avinguda Onze de Setembre, un cartello ci indica  la direzione verso il villaggio di Butsenit. Prendiamo la strada asfaltata a destra e presto svoltiamo a sinistra per passare davanti ad alcuni capannoni agricoli. Seguiamo questo percorso dritto, senza prendere deviazioni .  Seguiamo la segnaletica con le indicazioni. Prendiamo la pista in angolo dritto alla nostra sinistra. Seguiamo la via che ci riporta alla N-II. La raggiungiamo all’altezza di un tunnel, ma non lo prendiamo, e svoltiamo a destra e continuiamo in  parallelo alla N-II. Lasciamo dietro dei capannoni commerciali alla nostra destra e arriviamo a un’altra rotonda. Un palo indicatore ci invita a prendere una pista asfaltata che parte alla nostra destra.

Seguiamo sempre la strada asfaltata. Troviamo un cartello che ci guida a prendere il sentiero di sinistra che va al letto del fiume. Passiamo da un ponte stretto e proseguiamo sulla nostra sinistra per giungere ad una fattoria di mucche.  Vicino alla porta della fattoria, c’è un percorso indicato sulla nostra destra. Lo prendiamo e arriviamo a dei capannoni  agricoli. Stiamo entrando nel villaggio di Butsenit. Continuiamo e raggiungiamo  la strada d’ingresso al villaggio , svoltiamo a destra e entriamo nel villaggio. Passiamo davanti a una scuola elementare e arriviamo alla chiesa di Nuestra Señora de la Asunción. Svoltiamo ad angolo dritto alla nostra destra per prendere un sentiero con una forte discesa accanto al cortile della scuola.

La via ci conduce direttamente al fiume Segre. Seguiremo il corso del fiume, tenendolo sulla nostra destra. Se la stagione è quella giusta, cicogne, anatre e cigni non si perderanno l’appuntamento con il pellegrino! Seguiamo le curve del fiume. Passiamo sotto la ferrovia. Sempre dritto, camminando in parallelo al fiume Segre, raggiungiamo una strada asfaltata e svoltiamo destra. Un palo ci guida. Infine arriviamo alla città di Lleida, la grande capitale. Continuiamo in parallelo al fiume Segre, attraversiamo il ponte sulla strada N-II e entriamo prendendo la Avinguda de Alcalde Areny.

Anche se non è molto visibile dato che si trova nel seminterrato di un edificio, la parrocchia di Sant Ignasi, gestita dai Gesuiti, si trova sulla nostra sinistra a soli 400 metri dal ponte  che abbiamo attraversato lungo il fiume (chiedere dopo aver passato la “Porta del marista”).

Noi camminammo dritto su Avenue Alcalde Areny ed arrivammo alla stazione degli autobus di Lleida. Ci rivolgiamo alla nostra sinistra, si sale per l’Avenida de Catalunya e svoltare a destra in Calle Sant Antoni. Proseguiamo dritti su questa strada e siamo arrivati presso la Cattedrale di Lleida, l’Ufficio del Turismo e il Comune di Lleida. Finale de tappa.

ALCARRÀS

Ayuntamiento . Tel: 973 790 004.

Hotel Can Peixan . Av de Catalunya, 78 Tel: 973 791 012.

Hotel Restaurant Casa Miquel . A 2km del villaggio in direzione all’autostrada A-2, Carretera Valmanya, Km. 2, Tel: 973 791 627.

FRAGA

Taxi Fraga 24h . Tel: 931 780 030

Taxi Romera SL . Tel: 974 471 673

LLEIDA

Hotel Catalonia Transit*** . Tel: 973 230 008.

Hotel Goya . c/ Alcalde Costa 9 Tel: 973 266 788

Hotel Real Lleida*** . Avinguda de Blondel, 22. Tel: 973 271 031

Ostello di Sant Anastasi . Rambla d’Aragó, 11. Tel: 973 266 099 (prezzo di bassa stagione per i pellegrini accreditati)

Tele Radio Taxi Lleida . Tel: 973 203 050 / 680 203 050

ALCARRÁS: Piccolo villaggio dedicato all’agricoltura e allevamento. Qui il pellegrino potrà godere delle tradizioni popolari e di lunghe passeggiate, e nel paese troverà alcune bellezze come la chiesa dell’Assunta. Ci offre ristoranti, supermercati, farmacie, centro medico e banca . Comune Tel: 973 790 004.

BUTSENIT:molto vicino alla grande città ci offre ristorante e supermercato.

LLEIDA: Grande e bella città catalana, con musei e edifici singolari da visitare. Si consiglia di passare per l’ufficio d’informazione turistica per poter realizzare un percorso ampio della città e dei suoi  monumenti (C/ Major, 31 bis. Tel: 973 700 319. www.paeria.es/turisme). Di origine ibero, ben nota ai romani che la battezzarono Ilerda, è stata sotto durante quattro secoli sotto il dominio musulmano; la città fu riconquistata dal Conte Ramón Berenguer, a metà del secolo XII. La seu vella iniziata nel secolo XIII e dedicata a Santa Maria è costruita in stile romanico , edificata nello stesso posto dove prima si trovava la moschea della città. La chiesa romanica di  Santa Maria de Gardeny e la sua torre conservano i resti del monastero dei Cavalieri Templari del secolo XII. Molto vicino si trovano i resti delle antiche mura che una volta circondavano la città e alcune pareti della Zuda, una fortezza araba de secolo IX, che fu ricostruita nel secolo XIII dal re catalano Jaime I. L’edificio romanico del Comune nella Piazza de la Paeria del secolo XIII. Nella piazza della cattedrale si trova la Seu Nova o Cattedrale Nuova (s.XVIII)  vicino ad essa, l’ospedale di Santa Maria, un antico convento con un impressionante cortile gotico fiammingo del secolo XV. Merita anche una visita, la chiesa romanica di Sant Llorenç (s. XII-XIII) e la chiesa di San Martì (s.XII). Altri punti di rilievo il Casino Principale (s:XIX) e il Palazzo vescovile. Per il pellegrino ha un interesse speciale, la cappella della Calle Mayor, in cui si ricorda una leggenda sull’apostolo Santiago: nel suo camminare per la  Spagna, predicando il vangelo, s’infila una spina  nel suo piede e non può più camminare, non riesce nemmeno a vedere, dove è la spina perché è troppo buio. Nella sua disperazione dal cielo arrivano degli angioletti con delle lanternine accese e lo aiutano a risolvere la questione. Ogni 24 luglio i bambini di Lleida passeggiano per le strade del quartiere antico, con lanterne accese in onore dell’apostolo Santiago.

PADRI GESÙITI a Lleida: La Parrocchia di Sant Ignasi si trova nella Plaça Espanya, 4 (Tel: 973 271 099). Nell’orario parrocchiale (dalle 18 a 21h), offrono orientamento e attenzione spirituale al pellegrino, oltre la possibilità di sigillare le credenziali.

Nota: Stiamo entrando nella fase finale del nostro viaggio: la “quarta settimana” degli Esercizi Spirituali. Cambiamento di animo, perché ora entriamo nella contemplazione della vita di Dio nella sua pienezza, consapevoli con Gesù e discepoli, che l’ultima porta è stata aperta, e non c’è nulla che ci possa fermare nel nostro cammino verso la libertà e la felicità eterna nell’amore di Dio. La L’ultima settimana, piena di grazia e piena di luce. Ci rallegriamo di ogni piccolo fiore, uccellino, sorriso, mano tesa. Non dimenticatela “preghiera preparatoria” prima di entrare in contemplazione e anche per tutta la giornata. Ricordiamo il colloquio finale: ci avviciniamo alla conoscenza profonda del Gesù risorto, che aiuta a perseverare nel nostro impegno di vita. Abbiamo dialogato con il nostro “amico” nel colloquio alla fine della preghiera e durante il giorno.

Preghiera: chiediamo al Padre questo dono: essere capaci d’entrare nella gioia del Cristo Risorto e vittorioso. Poter contemplare  la vita piena che Gesù ci ha conquistato. Rallegratevi profondamente con Cristo, Maria e tutti i suoi discepoli.

Riflessioni: Oggi e nei prossimi giorni, Ignazio ci invita a “chiedere la grazia di essere felici e di gioire con intensità per la maggior gloria e la gioia di Cristo nostro Signore”, che è risorto dai morti. Nessuno poteva immaginare che cosa sarebbe successo, ma il profeta Isaia aveva già annunciato che “il mio servo avrà successo, sarà onorato, esaltato e innalzato grandemente ” Ma gli ultimi giorni di Gesù erano così difficili da sopportare, e la sua morte era così incomprensibile che  pensare che Dio fosse con noi, era impossibile. Tutti erano sconvolti e demoralizzati. Più di una volta nella Bibbia, incredibilmente una donna sterile e aveva generato un bambino. La Scrittura ci ricorda che “Non c’è nulla di impossibile a Dio”, ma ancora,è ancora difficile da credere. Così impossibile che, nonostante le guardie avevano spiegato tutto ai sommi sacerdoti e agli anziani, nessuno accettò. Ma oggi siamo convinti che la risurrezione è la verità ultima della straordinaria potenza e bontà di Dio. Dio ha il potere di liberarci dalla morte, di tutti i tipi di morte.

A volte la nostra fede è debole: Dio che ha trasfigurato Gesù dalla morte alla vita, certamente ci può trasfigurare, ma spesso siamo tentati dallo scoraggiamento e ci sentiamo senza speranza di fronte ai nostri problemi, le nostre paure, il peccato che c’è in noi, o il dolore che ci attanaglia. Gesù risorto, vive trasfigurato per sempre, e noi stessi, a causa di Gesù siamo stati trasfigurati interiormente. Abbiamo il seme della risurrezione dentro di noi. Gesù è vivo e con noi per sempre, ma a volte si fatica a credere. I discepoli di Emmaus ricevono questo messaggio.

E’ anche l’esperienza di Maria, madre di Cristo. lei ebbe la rivelazione che Gesù era vivo fin dall’inizio, come dice Ignazio: senza dubbio è stata la prima in ricevere l’esperienza della sua risurrezione. E da quel momento si avvicinerà ai discepoli per aiutarli a superare la loro tristezza e delusione. Il Signore risorto è con noi, come ci aveva promesso, per confortarci e offrirci i suoi doni, in modo da poter confortare coloro che soffrono nel mondo.

Quando le donne si recarono al sepolcro vuoto, incapaci di credere alla possibilità che Gesù fosse risorto, il “guardiano”, dice semplicemente: “Perché cercate chi è la vita tra i morti” la stessa cosa ci dice oggi: troppo spesso non possiamo credere le buone notizie su noi stessi o sul nostro mondo. Ancora una volta, Gesù confonde le nostre aspettative in molti modi, ma notiamo il fatto che prima  Gesù non si mostra agli apostoli privilegiati come Pietro, Matteo o Giovanni, ma alle donne, le più coraggiose e fedeli dei suoi discepoli.

Usiamo la preghiera di contemplazione, sentendoci dentro la scena e vivendo l’esperienza della grazia della risurrezione dai morti. Ascolto, osservo, parlo, prego, gioco … Sono nella storia. Pregate per la resurrezione di ogni morte in noi stessi e in tutti coloro che amiamo. Oggi Maria ci capisce molto bene!

Testi:

Isaia 52,13-53,12. “Chi avrebbe creduto al nostro annuncio?”

 Matteo 28,1-15. “Non abbiate paura, perché io so che cercate Gesù il crocefisso. Egli non è qui, ma è risorto. “

 Luca 24,13-35. Gesù, il mio compagno di pellegrinaggio mi mostra come Egli è parte della mia storia e della mia preistoria. Confortato interiormente desiderato annunciare a tutti: “Il Signore è risorto”, come fecero i discepoli di Emmaus.

Colloquio finale: In questa fase del nostro pellegrinaggio interiore, siamo già abituati a camminare con il nostro amico e Signore Gesù Cristo, parlando liberamente come un amico parla con un altro. Onestamente, se senti la forza e il coraggio chiedi che egli ti accolga sotto la sua bandiera per poter costruire insieme il Regno di Dio. Terminare con il “Padre nostro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Biciclette facile.

anche se l’uscita di Fraga presenta una forte pendenza e bisogna stare attenti quando si attraversa la strada.

Fraga : Km 0.
Camino Real: Km 13.
Alcarràs: Km 19,3.
Butsènit: Km 25.
Lérida / Lleida: Km 33.

Ruta

Schema della tappa

Altimetria

Il tempo a Lleida

Lleida
25°
cielo sereno
umidità: 32%
vento: 5m/s SE
Max 25 • Min 22
35°
Dom
38°
Lun
38°
Mar
37°
Mer